Seleziona una pagina
Tania Cagnotto

Tania Cagnotto

Tania Cagnotto è una nota tuffatrice italiana, la prima ad aver conquistato una medaglia mondiale nei tuffi. Nasce a Bolzano il 15 Maggio 1985, figlia di Giorgio Cagnotto, anch’egli tuffatore due volte medaglia d’argento alle Olimpiadi, e Carmen Casteiner, otto volte campionessa dalla piattaforma. Più figlia d’arte di così non si può! 🙂 Appena quindicenne, è la più giovane atleta delle Olimpiadi di Sydney 2000, in quell’occasione arriva 18esima e manca la finale solo a causa di un solo tuffo sbagliato. Da quel giorno ha scritto con costanza pagine importantissime di storia dei tuffi al femminile, da quella italiana a quella mondiale. Trionfi, vittorie, medaglie in tutte le manifestazioni e in tutte le specialità. Per prepararsi alle Olimpiadi di Londra 2012 Tania trascorre i primi due mesi del 2011 in Australia allenandosi con Salvador “Chava” Sobrino, coach del campione olimpico Mattew Mitcham. Non è nuova ad avventure di questo genere, essendosi trasferita nel 2005 negli Stati Uniti per due anni. L’esperienza a Sidney è durata molto meno, due mesi, e ha coinvolto anche Francesca Dallapè e Noemi Batki, colleghe di Tania in piscina e amiche nella vita, ma è stata importantissima per la sua crescita sportiva e personale. “Il primo tuffo? L’ho fatto quando avevo due anni, sono scivolata dentro il laghetto del centro sportivo dell’Acquacetosa, a Roma. Se volete, un segno del destino. No, non sono rimasta traumatizzata, anzi. Quando a 6 anni ho fatto il primo tuffo vero nell’acqua di una piscina, mi è sembrato il gesto più naturale del mondo. Proprio come se fossi nata per fare quello”. Backstage Tania ci ha raccontato le sue vicende...
Winki

Winki

Australia, viaggi, libri di viaggi, surf e natura, penso che siano le parole che mi possono in parte rappresentare e forse presentare.   Così si descrive Winki, un viaggiatore e narratore con la passione del surf. L’Australia gli ha permesso di vivere esperienze straordinarie e cambiare la sua vita, oggi vive sei mesi in Australia e sei in Sardegna, surfando e scrivendo racconti delle proprie avventure. L’Australia è stata per lui un richiamo molto forte fin da bambino. Nel ’97 decide di seguire questa voce e scoprire se stesso. In Australia incontra un mondo e una natura quasi incontaminati, dove praticare la propria passione per il surf e scrivere delle proprie avventure. Viene a contatto con gli Aborigeni e ne rimane ammaliato. Il loro modo di vedere la Natura, il rispetto totale verso la Madre Terra, è quello che sente da sempre dentro di sè: si ritrova in perfetta sintonia con questa forma di rispetto primordiale verso la creatura che ci ospita, la Terra.   Penso che l’Australia mi abbia insegnato anche questo: riscoprire le usanze e il rispetto per la natura dei popoli nativi per farne tesoro e condividerlo con chi mi legge.   I suoi racconti di viaggio pubblicati sono: Australia: quando un sogno diventa realtà, La baia della luna, No destination.   FROM ITALIA TO AUSTRALIA É una serie nella serie! Anzi una mini-serie. Quattro puntate, le prime di Italian Dreamtime | Sognando l’Australia che abbiamo registrato in Italia nel 2013, sono state per noi una demo, un’anticipazione, per farvi venire l’acquolina in bocca e la voglia di ascoltare le storie degli italiani che vivono dall’altra...
Fiorino Fiorini

Fiorino Fiorini

Fiorino Fiorini è un musicista, suonatore dell’antico strumento australiano chiamato Yidaki, conosciuto nel mondo come didjeridoo. Ha visitato diversi luoghi in Australia e nel 2008 è partito alla ricerca dei grandi maestri aborigeni. Visitando e lavorando in alcuni festival nella regione dell’Arnhem Land (nel Nord-Est del Territorio del Nord), ha conosciuto il grande custode del didjeridoo Djalu Gurruwiwi, con il quale ha imparato le antiche tecniche dello strumento e ha approfondito la storia, la cultura e l’arte aborigena. Nel 2004, insieme al maestro aborigeno Alan Dargin e a Francesca Casadei, ha iniziato ad organizzare il Festival Didjin’Oz a Forlimpopoli, giunto oggi alla sua 13° edizione. Leggi il BACKSTAGE dell’intervista FROM ITALIA TO AUSTRALIA É una serie nella serie! Anzi una mini-serie. Quattro puntate, le prime di Italian Dreamtime | Sognando l’Australia che abbiamo registrato in Italia nel 2013, sono state per noi una demo, un’anticipazione, per farvi venire l’acquolina in bocca e la voglia di ascoltare le storie degli italiani che vivono dall’altra parte del mondo. Da non confondersi infatti con la Web-Serie “Sognando l’Australia”, pubblicata sempre sul nostro canale YouTube che consiste in 16 puntate girate in tutta l’Australia nel 2014. Iscrivetevi per non perderne neanche una. I protagonisti di “From Italia to Australia” sono: Gisella Cozzo, Fiorino Fiorini, Winki e Tania...
Gisella Cozzo

Gisella Cozzo

Gisella Cozzo nasce da genitori Italiani in Australia nella città cosmopolita di Melbourne, dove si diploma alla scuola di Arte Drammatica. In Australia muove i primi passi nel mondo musicale vincendo un premio canoro di ‘voci nuove’, nel programma “Young Talent Time”. Successivamente approda in Italia e collabora con diversi artisti come cantante e autrice ed è finalista al “Castrocaro Terme” concorso canoro di fama nazionale che da il via alla sua carriera discografica. L’anno successivo, entra nel mondo dei jingle degli spot pubblicitari, incidendo quello del gelato Coppa del Nonno (I feel good I feel fine), utilizzato fino al 2011, e da li in poi presterà la voce per decine di spot televisivi di successo. Gisella, sempre incline a nuove sfide artistiche e personali, ha anche prestato la sua voce per le colonne sonore di film di successo come ‘L’ultimo Capodanno’ di Bertolucci e ‘A time for Dancing’. Recentemente è uscito un suo album autobiografico intitolato “This is me”, nel quale ci rivela con pienezza la sua prorompente vocalità. Gisella è profondamente “Italo-Australiana”, la sua storia ha un legame fortissimo con entrambe le culture. In Australia è nata e ha vissuto la propria infanzia immersa fra le profonde tradizioni della famiglia calabrese/siciliana e l’affascinante e frizzante realtà australiana. Li ha scoperto la musica e il canto che l’hanno portata a cercare fortuna nel vecchio continente. Tornata in Italia, trova il successo e l’amore con Michelangelo, con il quale si sposa e ha un figlio, Marcello. E chissà che Marcello non compia in futuro lo stesso percorso della madre, dall’Italia verso l’Australia… Approfondimenti Per leggere il backstage dell’intervista che...

Pin It on Pinterest