Seleziona una pagina
Antonietta Cozzo | Backstage

Antonietta Cozzo | Backstage

L’intervista di oggi è diversa, questa volta non siamo all’oscuro della persona che intervisteremo… anzi!

Lei è Antonietta Cozzo, vi dice niente questo nome?
Ebbene sì, stiamo proprio parlando della mamma della nostra, ormai grande amica e sostenitrice, Gisella Cozzo.

 

Antonietta-Cozzo-cover-slider

 

Gisella è stata una delle nostre prime interviste, quando ancora non avevamo messo piede down under. Il suo entusiasmo, ed i suoi racconti per l’Australia ci avevano già fatto sognare… e poi, al momento della menzione alla mamma noi non abbiamo potuto che desiderare di intervistarla.

L’energia che ha Gisella le è stata certamente tramandata dalla madre.
Dopo un lungo viaggio durato mesi, siamo arrivati a Melbourne, in questa città moderna ed iper-attiva vive Antonietta Cozzo e noi non vediamo l’ora di conoscerla .

Incredibile come, appena visti ci abbia accolto come figli… dolcetti, sorrisi e tante attenzioni. Sapeva molto bene del nostro progetto e non vedeva l’ora di farne parte. Fa sempre piacere trovare bella gente, ma essere accolti con quell’ospitalità genuina, tipica degli italiani ha sempre un effetto forte su di noi.
Prima di intervistare Antonietta, l’abbiamo incontrata più volte ed è sempre stata unica. Piena di energia, una signora matura ma che ha un entusiasmo ed una voglia di vivere da far invidia ad un ventenne. Questa è certamente una delle cose che più ci hanno colpito.
Antonietta è arrivata in Australia perché promessa sposa ad un’italiano che già viveva oltre oceano. Lei, però, tenace e decisa, una volta arrivata a Melbourne trovò un escamotage per evitare di sposarsi e prendere in mano la sua vita.

Il giorno dell’intervista Antonietta ci aspetta nella sua nuova casa, poco fuori il centro di Melbourne.

 

Antonietta-Cozzo-italian-dreamtime-backstage-2

 

Una casetta ordinata in mattone, con un giardinetto… qualche scalino per entrare. Naturalmente la porta è aperta e si sentono deliziosi profumini uscire dalla porta. Non può che essere casa sua.
Che si fa prima dell’intervista? Si pranza!!! Ricordiamo che Antonietta ha origini calabresi, e sì, quello che ci aspettava era una cosa come minimo 5 portate ciascuno. Di tutto e di più, Antonietta ci ha accolto velocemente dirigendosi in cucina per controllare i fornelli, eravamo solo in tre, io, Oriana ed Emiliano, ma Antonietta aveva preparato per il doppio delle persone. Mentre sistema le ultime cose del pranzo la aiutiamo ad apparecchiare e ci perdiamo ad osservare le numerosissime foto di famiglia che decorano la casa.

Cosa ci siamo detti e raccontati durante il pranzo non basterebbero 3 articoli per raccontarlo, di tutto e di più, con Antonietta non ci si può annoiare, è una bomba di energia, con mille argomenti, mille aneddoti e soprattutto quella genuina voglia di farsi conoscere.

Come spesso ci è capitato di notare nelle scorse interviste, anche Antonietta porta nel cuore le sue radici. Inizia la sua intervista proprio raccontando di quel piccolo paesello dove è nata e cresciuta.

La mia fanciullezza è stata meravigliosa nel mio paesello, circondata da un amore immenso che trascino ancora oggi

Un’altra frase ci colpisce particolarmente, ci fa riflettere e capire quanto, a volte, ci si faccia trasportare dalla società, dal consumismo, da quel voler apparire… tutte cose frivole, ciò che conta sono i valori, sono l’amore sincero e la condivisione.

Non conoscevo la ricchezza, ma conoscevo la ricchezza dell’amore

Dai racconti di Antonietta qualcosa si smuove nei nostri stomachi, la sua forza è infinita, da sola è partita dall’Italia, promessa sposa ad un uomo che non amava ha trovato il coraggio di ribellarsi e prendere in mano la sua vita. Grazie a questo coraggio Antonietta ha trovato poi il suo amore da cui sono nate ben 6 figlie.

Antonietta-Cozzo-italian-dreamtime-backstage-6

 

 

Antonietta non ha mai permesso a nessuno di controllare la sua vita, nonostante le tante figlie, ha sempre lavorato, non si  è mai persa d’animo. È arrivata perfino a fare le pubblicità per il Globo, principale giornale italiano in Australia e ci parla dell’amico Larobina (qui il racconto del nostro incontro e dell’intervista).

Se non hai i tuoi valori non puoi attraversare le barriere

Dai racconti di Antonietta capiamo quantoil suo vissuto sia stato duro e pieno di ostacoli, ma allo stesso tempo, mentre racconta della vita gloriosa delle sue figlie, percepiamo la sua gioia, la sua soddisfazione di avercela fatta e la voglia, forte ancora oggi, di vivere ogni giorno a pieno.
L’intervista finisce dopo un lunghissimo pomeriggio, ma la nostra fortuna di vivere un pezzo di vita di Antonietta continua, siamo invitati ad una grigliata di famiglia e poi ad un concerto di canto delle donne italiane a Melbourne.

 

 

Antonietta-Cozzo-italian-dreamtime-backstage-1

 

In entrambe le occasioni, arrivando, ci sentiamo accolti e amati. Chissà come mai, queste persone, così lontane ormai dall’Italia riescano a trasmetterci valori e amore come raramente in Italia si riesce a percepire.
Ancora oggi Antonietta è iper attiva, fa l’attrice, ha una vera e propria agenzia e lavora nella comunità italiana scrivendo poesie e recitando in commedie. Antonietta, non si ferma mai, è conosciuta da tutti. Anche noi abbiamo avuto questa fortuna, vedere la sua intervista vi regalerà certamente un assaggio dell’esplosività di questa donna.
Da questa intervista abbiamo, come sempre, portato a casa tante cose, tante emozioni… ma soprattutto abbiamo capito quanto l’essere italiano caratterizzi una persona, il suo carattere, anche a km e km di distanza.

L’Australia non mi ha formato, mi ha dato una casa, due scarpe in più, magari una pelliccia, ma io sono italianissima!

Questa frase racchiude tutto quello che è il nostro progetto, siamo partiti per questo lontanissimo Paese alla scoperta della vita degli italiani in Australia, e abbiamo capito davvero tante cose, in primis che se sei italiano, hai inevitabilmente qualcosa dentro che ti differenzierà e renderà unico ovunque!

Gli italiani sono un grande  popolo, e sarebbe davvero bello se queste qualità fossero riconosciute, valorizzate e stimate anche nel nostro Bel Paese.

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This